Alternanza scuola lavoro

Print Friendly, PDF & Email

 

 
Referente presso il Liceo Sabin
Prof.ssa Gina Cicchiello

Per comunicazioni e richieste sul Progetto Alternanza Scuola Lavoro

Commissione Alternanza: scuola.lavoro@liceosabin.eu

 

Informazioni generaliProgetti 2017-2018Modulistica
Che cos'è
L’art. 4 della legge n. 53 del 28 marzo 2003, che introduce in Italia l’utilizzo della risorsa “realtà lavorativa” come ambiente di apprendimento, viene ribadito nell’attuale legge 107 del 13 Luglio 2015 per offrire maggiore completezza al percorso formativo e l’acquisizione delle competenze del profilo educativo, culturale e professionale di ciascun percorso di studi. 
L’alternanza si delinea come una modalità diversa per raggiungere obiettivi formativi tramite esperienze di lavoro coerenti, progettate ed incentrate sull’integrazione curriculare. Costituisce una combinazione di attività scolastica e di esperienze assistite, pensate sul piano didattico in collaborazione col mondo del lavoro, con gli enti e le associazioni culturali, e nasce dal superamento della separazione tra l’aula e il momento applicativo e si basa su una concezione in cui educazione formale, informale ed esperienza pratica si combinano in un unico progetto formativo. […] 
L’ esperienza di alternanza ha come fine quello di valorizzare competenze trasversali e life skills in quanto strumento flessibile che tiene insieme le inclinazioni e gli interessi dell’allievo con la necessaria personalizzazione del percorso, anche in situazioni di apprendimento differenti propri di alunni in difficoltà o con disabilità.
L’operatività che pone in essere può inoltre configurarsi come uno strumento efficace per contrastare la dispersione scolastica e motivare nuovamente all’apprendimento coloro che trovano troppo astratto e intellettuale il proprio percorso educativo, offrendo maggiori possibilità di successo formativo per tutti. 
Durata e destinatari
Alunni dei licei, per una durata complessiva di almeno 200 ore nel triennio.
(dall’art. 1, co. 33, Legge 107/15)
Dove svolgerla
I percorsi in alternanza sono progettati, attuati, verificati e valutati, sotto la responsabilità dell’istituzione scolastica o formativa, sulla base di apposite convenzioni con le imprese, o con le rispettive associazioni di rappresentanza, o con le camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura, o con gli enti pubblici e privati, ivi inclusi quelli del terzo settore, o con gli  ordini  professionali,  ovvero con i musei e gli altri istituti pubblici  e  privati  operanti  nei settori del patrimonio e  delle  attivita’  culturali,  artistiche  e musicali, nonche’  con  enti  che  svolgono  attivita’ afferenti  al patrimonio ambientale o con enti di promozione sportiva  riconosciuti dal CONI.

(Art. 1, co. 2, D.L.vo 77/2005; Art. 1, co. 34, L. 107)
Periodi di svolgimento
L’alternanza scuola-lavoro può essere svolta durante la sospensione delle attività didattiche secondo il programma formativo e le modalità di verifica ivi stabilite nonché con la modalità dell’impresa formativa simulata.

(Art. 1, co. 35, Legge 107/15)
Formazione e sicurezza
Le scuole secondarie di secondo grado svolgono attività di formazione in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro, nei limiti delle risorse umane, finanziarie e strumentali disponibili, mediante l’organizzazione di corsi rivolti agli studenti inseriti nei percorsi di alternanza scuola-lavoro ed effettuati secondo quanto disposto dal decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81.
(Art. 1, co. 38, Legge 107/15)
Per saperne di più

 

Tab content
Tab content