Bisogni Educativi Speciali

La sigla Bes ha creato confusione in quanto definisce un contenitore ove confluiscono le diverse tipologie di disagio, disturbo, sindrome e, contemporaneamente, una serie di Bisogni differenti che richiedono strumenti differenti. La Direttiva del 27 dicembre 2012 vi fa comprendere tre grandi sotto-categorie: “… rientrano nella più ampia definizione di BES tre grandi sottocategorie… quella dello svantaggio socio-economico, linguistico, culturale…” – Direttiva Ministeriale 27/12/2012); 

Nello specifico appartengono alla categoria di alunni con BES: 

  • alunni con disabilità certificata ai sensi della L. 104/1992; 
  • alunni con disturbo specifico d’apprendimento secondo la L. 170/2010 e successive integrazioni, diagnosticato come previsto dalle normative
  • alunni con deficit del linguaggio (difficoltà o assenza di articolazione della parola, difficoltà nella strutturazione del linguaggio, difficoltà nella comprensione delle strutture linguistiche, ecc.); 
  • alunni con difficoltà specifica di comprensione del testo; 
  • alunni con difficoltà specifiche di apprendimento (risultati ai test DSA poco inferiori alle – 2 deviazioni standard); 
  • alunni con disprassie e disturbo delle abilità non verbali (o Sindrome non verbale caratterizzata da una differenza di circa 20 punti tra QIV e QIP alla scala WISC o WAIS); 
  • alunni con disturbi dell’attenzione, eventualmente con iperattività; 
  • alunni con disturbi dei diversi tipi di memoria; 
  • alunni con disagi/disturbi psicologici (forti ansietà, fobie, criticità correlate alla stima di Sé, all’identità, disturbi del comportamento alimentare…); 
  • alunni con disturbi relazionali; 
  • alunni con disturbi dello spettro autistico di grado lieve, qualora non rientri nelle casistiche previste dalla Legge 104; 
  • alunni con funzionamento intellettivo limite (poco superiore ai 70 punti di QIT) che produce anche difficoltà di tipo metacognitivo / strategico; 
  • alunni con difficoltà e penalizzazioni scolastiche a causa di situazioni di svantaggio sociale e / o economico (deprivazione di esperienze formative fondamentali; mancanza o carenza di supporto familiare; limitazioni delle opportunità sociali; …) 
  •  

 

Referente presso il Liceo Sabin
Prof.ssa Stefania Pappalardo

stefania.pappalardo@sabin.istruzioneer.it

 


 

 

 

 

 

 

 

Pagine: 1 2